Ghali: il rapper Italo-Tunisino che spopola sul web.

ghali_wily wily _rapper italo-tunisino

L’Osservatore Bipolare ha lanciato una nuova rubrica “Bipolare-LAB” laboratorio di scrittura web per chi vuole avvicinarsi al mondo del Blogging! Iscrizioni aperte a tutti!

Iniziamo con Corim, 15 anni appassionato di Musica!

Buona Lettura!


Ghali Foh Amdouni, in arte Ghali, classe 1993 nasce in Tunisia, si trasferisce in Francia dove impara il Francese e poi in Italia a Milano (nel quartiere Baggio alla periferia Ovest di Milano.)

Ghali inizia a fare rap in Italia con i “Troupe D’Elitè”, tutti ragazzi di Milano tra i 18/19 anni, un loro brano con più visualizzazioni Youtube è “Il Mio Giorno Preferito” con 6.504 visualizzazioni dal 2014.

 

 

Poi si spinse più in la e cominciò a scrivere testi da solo, ed ebbe molto più successo.
Nei suoi testi compaiono sempre dei legami con queste tre lingue (Arabo, Francese, Italiano) che rendono Ghali un artista sicuramente originale.

“Wily Wily” è uno degli ultimi singoli di Ghali usciti di recente, in questo testo non usa giri di parole per far capire le cose come stanno nel nostro paese e si sofferma anche sul tema del razzismo, come dice anche la prima frase della prima strofa

“Avrai un amico marocchino che ti ha insegnato solo parolacce,

a mandare a fare in culo e forse forse pure a dire grazie”

dove vuole far capire che di solito se i ragazzini hanno degli amici di altre nazionalità la prima cosa che chiedono sono le parolacce.

Un’altra frase che mi ha colpito molto è stata

Ti prego dimmi chi ci difende da chi dovrebbe farlo

riferendosi agli abusi di potere della polizia, o alla attuale situazione in Medio Oriente.

 

A parere mio Ghali, pur essendo un ragazzo di 23 anni con non un grande campo di esperienza nel mondo della musica, ha uno stile diverso dagli altri Rapper della scena italiana e si distingue molto bene per musicalità e stile.