Fibra vs Vacca: battaglie e frattaglie #insultaRap

vacca vs fabri fibra dissing Fabrizio Fibrazio contro L'Uomo Mucca. Il match del secolo.

Vacca e Fabri Fibra si contendono lo scettro del rapper più infantile con una serie di pezzi in cui si insultano a vicenda.
Come se ce ne fregasse qualcosa.

Io a queste cose non ci tengo poi tanto, anzi non me ne frega nulla, in realtà. Ma scrivendo per una webzine capita che se tutti parlano di qualcosa due parole le devi dire anche tu.

Ok, allora il punto è da qualche tempo va avanti una disputa (dissing, ho imparato che nel mondo dei rapper e hippoppettari si dice dissing) tra il noto rapper Fabri Fibra e un certo Vacca di cui non sapevo nulla.

Riassumendo brevemente: il già citato Vacca in un’intervista stila una lista dei suoi rapper italiani preferiti, escludendo, volontariamente pare, il suo ex amico Fabrizio Fibrazio. Poco tempo dopo Fibrazio scrive una canzone chiamata Zombi in cui lancia una frecciatina all’ex amico Vacca.
Da allora è un batti e ribatti di pezzi in cui i due si insultano a vicenda in modo sempre più pesante, e la cosa mi ricorda un po’ i tempi delle elementari quando si iniziava scherzando e si finiva a fare a botte dietro il cortile della scuola con gli altri bambini che si mettevano “a giro” a fare da spettatori.

Ma è che io non capisco il rap e l’hip hop, forse, non tanto per la musica.
Alcuni gruppi rap e hiphop non sono malaccio e anche lo stesso Fibra fino a Mr Simpatia non mi dispiaceva più di tanto. Poi ha cominciato a parlare sempre e solo del fatto che è famoso e ha i soldi e allora io mi sono rotto i coglioni e non l’ho più ascoltato.
Ma il punto è che nel rap e hip hop c’è questa brutta abitudine di insultarsi a vicenda e di farci canzoni sopra, che è una cosa di un cattivo gusto indescrivibile.

Ma no mi dicono, è che queste cose hanno radici profonde nella cultura del ghetto. Non che questa sia una giustificazione per comportarsi come bambini di otto anni, comunque.
Se è per questo nella cultura del ghetto ci sono anche cose come spacciare cocaina, ammazzare la gente e via dicendo.
O anche altre cose di pessimo gusto tipo vantarsi della serie “io ci ho più stile e tu non puoi starmi dietro mothafucka!” o andare in giro con i pantaloni calati e le mutande di fuori, forse in un tacito invito al sesso anale che non sempre viene accolto. Penso.

In ogni caso abbiamo deciso di offrirvi l’intera panoramica della discussione tra i due premi nobel a suon di video:

Iniziamo col caro Mucco, che in questa intervista omette, come dicevamo, di nominare Fibrazio tra i migliori rapper italiani.

Ok, lasciamo la parola a Fibra. Questo è “Zombie”, con Deleterio (che è un altro soggetto). La canzone di per se’ non è malissimo, ha un bel mood cupo e il video è serissimo. Alla terza strofa Fibra gliene dice quattro all’ex amico Uomo-mucca, ma ancora siamo nei limiti dell’allusione.

Torniamo a Vacca, questo è “Il Diavolo non Esiste“. E qui si degenera nell’insulto diretto e il buon gusto va a farsi fottere. Da qui in poi la discesa è senza limiti. Andiamo avanti.

Questa è la risposta di Fibrao: undici minuti di insulti e vanagloria inutile. Della serie “Io ho i soldi e tu no”.
Esticazzi mi viene da dire, e quello non ti ha voluto nel disco, e tu sei povero, e ti tuoi testi fanno schifo, e io sono bravo e tu no, esticazzi again.

Ok, l’ultima. O almeno me lo auguro. Vacca di nuovo sulla scena che riprende gli insulti di Fibra e glieli restituisce, no, non sono io che faccio rime di merda sei tu che fai rime di merda gne gne gne.

E mi auguro che questa sia la fine di questa squallida vicenda, o per lo meno dell’interesse mediatico su questa cosa.
Adesso finisco il mio amaro e metto su a palla i The Retrosic che mi devo disintossicare. Gne gne gne.

Detto questo abbiamo deciso di passare a voi la parola, per scoprire se i nostri lettori la pensano come noi e se come noi hanno voglia di manifestare il proprio disgusto.

Per questo abbiamo creato l’hashtag #insultaRap su Twitter e Fb: scrivete quello che vi pare, anche in rima se volete. Le sparate migliori saranno pubblicate, ovviamente!

PRO Fibra vs Vacca: bah, si fanno pubblicità così.
CONTRO Fibra vs Vacca: schifo e infantilismo e cattivo gusto. Andate cordialmente a farvi fottere entrambi.

Ps: L’Osservatore Bipolare non ama insultare la gente senza motivo, ma qui un motivo c’è e quindi li insultiamo entrambi. Vuoi insultarli anche tu? Condividi l’articolo e piaccicci su facebook.

CircaDr. Bozer
Fondatore de L'Osservatore Bipolare. Ha bussato alla porta della redazione con una birra in mano chiedendo se c'era un bagno. Da allora non se ne è più andato. Si interessa di musica estrema, tecnologia, futurismo, letteratura e cose strane di vario tipo. Ce l'ha col mondo intero. Dicono che non sia del tutto umano e noi ci crediamo.