Creazionisti: domande da un milione di dollari.

Le domande dei creazionisti che dovrebbero far tremare la comunità scientifica. Ovviamente non potevamo non rispondere.

creazionisti_banner Evolution for dummies.

Devo confessarvi una cosa: ogni tanto, quando mi sento triste e inutile e vuoto e insicuro e insomma mi sento uno schifo vado a leggere cose sul dibattito creazionisti vs evoluzionisti. E istantaneamente mi sento meglio constatando il basso livello culturale-intellettuale della maggior parte di loro – per “loro” intendo i creazionisti, ovviamente.
Lo so, è un po’ spregevole come cosa, stile “ti piace vincere facile?“, ma sì, quando sono triste mi piace vincere facile.
Se vi sembra assurdo, comunque, che ci sia un dibattito tra evoluzionisti e creazionisti è perchè con tutto quello che possiamo dire di male noi viviamo in Italia, e l’Italia si trova in Europa, e in Europa di solito non siamo molto inclini all’estremismo religioso. O non lo siamo sulle questioni teoriche, per lo meno. Negli Stati Uniti, invece, il dibattito è fervente.

Comunque, l’altro giorno ho trovato su buzzfeed una serie di foto in cui dei creazionisti ponevano delle domande agli evoluzionisti (o scientisti, o non credenti, o come vi pare), e siccome non ho nulla da fare ho pensato a rispondere qui, sull’Osservatore Bipolare.
Certo, magari tra di voi non ci sono creazionisti, ma vedo sempre più gente che in un modo o nell’altro si pone domande sul senso della vita, su da dove veniamo e dove andiamo e la solita pappardella, anche se non in un’ottica strettamente religiosa.

Qui comunque troviamo un bellissimo campionario di domande con premesse errate, conoscenze approssimative, domande senza senso, collegamento di teorie scientifiche che non c’entrano una minchia l’una con l’altra, luoghi comuni triti e ritriti e amenità varie. E anche qualche ragazza carina, per gradire.
Andiamo a incominciare, premetto che alcune domande non le ho inserite perchè non erano vere e proprie domande, ma la maggior parte offrono degli spunti interessanti:

creazionisti (6)

“Bill Nye, pensi di avere un’influenza positiva sulla mente dei bambini?”

Io non sono Bill Nye, ma penso che dirò a mio figlio – quando ne avrò uno – che non c’è nessun dio che ha creato il mondo e la vita. E che abbiamo delle risposte. Risposte che magari saranno parziali e incomplete, ma le abbiamo. Penso che questa consapevolezza avrà un’influenza positiva su di lui? Sì, penso di sì. I bambini hanno una grande curiosità e la storia dell’universo e dell’evoluzione della vita, anche solo a livello emotivo, è molto più interessante e stimolante della storia di un tizio invisibile che ha creato tutto.

creazionisti (16)

“Hai paura di un creatore divino?”

No, perchè non credo che esista. Ho paura del suo fan-club, però. In ogni caso questo creatore divino dovrebbe anche essere buono o quantomeno ragionevole, altrimenti saremmo belli che fottuti.

creazionisti (8)

“E’completamente illogico che la terra sia stata creata matura? Es. gli alberi con gli anelli, Adamo creato già adulto ecc.”

E i fossili di dinosauro già sottoterra. Questa è una cosa interessante che sostengono i creazionisti: dio ha creato il mondo così com’è, con i continenti che collimano, le ossa di dinosauro sotto terra ecc.
E’ una cosa illogica? No, sul piano strettamente logico è corretto.
Ma allo stesso modo potrei dire che dio ha creato la terra dieci secondi fa, con i nostri nonni morti già sottoterra e i nostri ricordi già nella testa e i libri di storia già scritti. Dal punto di vista logico non è contraddittorio, tuttavia mi sembra piuttosto improbabile.

creazionisti (15)

“Ma la seconda legge della termodinamica non è una prova contro l’evoluzione?”

“L’entropia di un sistema isolato lontano dall’equilibrio termico tende a salire nel tempo, finché l’equilibrio non è raggiunto”. Che in soldoni vuol dire che se metto un cubetto di ghiaccio in un bicchiere d’acqua il cubetto si scioglie e l’acqua si raffredda fino a quando la temperatura è omogenea. Non mi pare che c’entri qualcosa con l’evoluzione.

creazionisti (11)

“Come spieghi un tramonto se dio non esiste?”

Credo che sia la terra che ruota attorno al suo asse, tesoro. Ma se vuoi stasera possiamo andare a guardare il tramonto insieme.

creazionisti (10)

“Se la teoria del big bang è vera e considerata scientifica assieme all’evoluzione, come mai le leggi della termodinamica smentiscono queste teorie?”

Ci risiamo con la fottuta termodinamica. Ho già risposto prima, piantatela con questa storia della termodinamica.

creazionisti (4)

“Che ne pensi della Noetica?”

What about a blowjob? Comunque, penso che è una pseudoscienza. Ovvero un insieme di teorie che superficialmente utilizzano il linguaggio della scienza, ma non ne utilizzano il metodo. Un altro modo per definirla è “minchiata”.

creazionisti (5)

“Da dove derivi un significato oggettivo della vita?”

Altro punto su cui molti battono. Il problema è che è la domanda stessa che non ha senso. La vita non “significa”. Non è che potrebbe significare qualcosa ma non significa nulla, è che proprio non ha senso dire che la vita “significa”. Il termine “significare” si riferisce alle parole, per cui ad una parola corrisponde una determinata cosa o una parola in un’altra lingua: le cose a loro volta però non possono significare, a meno che non le trasformiamo in simboli e più o meno arbitrariamente decidiamo che significano qualcosa. Ma questo non c’entra con la tua domanda, suppongo.

creazionisti (3)

“Se dio non ha creato tutto come si è originato il primo organismo unicellulare? Per caso?”

Oh, una domanda sensata. Sì e no. Anche se sembra strano probabilmente anche il primo essere unicellulare si è evoluto in qualche modo graduale. Il passaggio da non-vita a vita potrebbere essere stato graduale, del resto ancora oggi si discute se considerare i virus degli esseri viventi o no, anche se quella dei virus è forse una storia diversa. La verità è che non conosco la risposta a questa domanda, tuttavia ciò non rende più plausibile la tua versione.

creazionisti (9)

“Perchè gli evoluzionisti/secolaristi/umanisti/non credenti rigettano l’idea di un dio creatore ma accettano la possibilità del disegno itelligente da parte degli alieni o di altre fonti extraterrestri?”

Io non so chi frequenti, ma non mi pare che sia così.
Tuttavia tra dio e gli alieni – se fossero le uniche due spiegazioni disponibili – sceglierei gli alieni.
Perchè? Beh, come noi sappiamo manipolare gli organismi viventi anche gli alieni potrebbero esserne capaci, e potrebbero viaggiare nello spazio, dato che anche noi possiamo farlo. Anche noi umani, anche se solo in teoria, già pensiamo che potremmo terraformare altri pianeti e portarci la vita. Quindi la storia degli alieni è comunque un pelo più credibile della tua, anche se è molto improbabile dato che non c’è nessun indizio al riguardo.

creazionisti (1)

“Poichè la scienza è una teoria per definizione (non testabile, non osservabile, non ripetibile), perchè sei contrario al fatto che il creazionismo venga insegnato nelle scuole?”

La tua definizione di “teoria” è esattamente l’opposto di quella giusta. Le teorie scientifiche vengono testate, i risultati degli esperimenti vengono osservati e gli esperimenti stessi per essere validi devono essere ripetibili. La scienza funziona per questo. Le teorie scientifiche e quelle religiose non sono equivalenti proprio perchè sono quelle religiose a non essere testabili, osservabili e ripetibili. In altre parole il creazionismo non ha alcun fondamento, a parte un vecchio libro. Per questo sono contrario al suo insegnamento nelle scuole come “fatto” o come “teoria probabile”, poi come studiamo di zeus e nettuno possiamo anche studiare la religione cristiana, perchè no. Ma dobbiamo distinguere la mitologia dalla realtà.

creazionisti (17)

“Per quale scopo pensi di essere qui se non credi nella salvezza?”

Un’altra domanda a cui non si può rispondere perchè è la domanda a non avere senso. Il concetto di “scopo” si può applicare solo a un agente consapevole. Poichè non sono stato agente consapevole della mia nascita non ho uno scopo mio per essere qui, fin quando io stesso non me ne scelgo uno. Uno scopo ce l’avevano i miei genitori quando hanno deciso di mettermi al mondo, forse. Se dio esistesse potrei dire che lui potrebbe avere uno scopo. Ma in questo senso la domanda premette quello che implicitamente vorrebbe dimostrare. E quindi è fallace come argomento, se la intendiamo come domanda retorica.

creazionisti (14)

“Perchè abbiamo trovato solo una Lucy quando abbiamo trovato più di un fossile di ogni altra cosa?”

Ma infatti non è vero, fossili di Australophitecus ne abbiamo trovati un bel po’. Basta cercare su wikipedia.

creazionisti (13)

“Quale meccanismo ha scoperto la scienza che evidenzia un aumento dell’informazione genetica in una mutazione o processo evolutivo?”

Questa è una bella domanda, finalmente. E francamente non conosco la risposta perchè non sono un biologo, ma cercando tre secondi su internet ho trovato questo:

Le modalità di aumento dell’informazione genica sono di almeno 5 tipi:
1.errori di duplicazione del DNA, con aggiunta di nucleotidi in modo casuale e sistematico
2.errata riparazione del DNA in caso di traumi, con aggiunta di nucleotidi in modo casuale
3.ricombinazione ineguale durante la meiosi, con conseguente aumento del materiale genetico per una delle cellule figlie e perdita di materiale genetico per l’altra
4.errori nella divisione cellulare, con scompenso di interi cromosomi in una cellula figlia e aumento del numero di cromosomi nell’altra
5.integrazione nei genomi di virus con ciclo lisogeno

fonte: un tizio che studia biotecnologie

Comunque attenzione, il livello evolutivo non va di pari passo con la quantità di materiale genetico, i polli hanno il doppio dei nostri cromosomi, per dire.

creazionisti (12)

“A proposito della teoria del big bang, da dove è venuta la stella che è esplosa?”

Non era una stella, e non è esplosa. In ogni caso, non lo so, non lo sappiamo. Ma questo non rinforza la tua visione delle cose: anche se dici che l’ha creata dio stai solo dando un nome a una cosa che non sai.

creazionisti (2)

“Se veniamo dalle scimmie come mai ci sono ancora scimmie in giro?”

Eheheh, simpatico. Infatti l’uomo non si è evoluto dalle scimmie. L’uomo e le odierne scimmie hanno antenati comuni – che erano scimmie pure loro, ma oggi sono estinte – da cui si sono evoluti entrambi. Ecco perchè ci sono scimmie in giro.

Sì, mi piace vincere facile. Buonanotte.

Ps: se l’articolo vi è piaciuto potete anche diffonderlo per il bene dell’umanità, e mettere mi piace alla nostra pagina fb.

CircaDr. Bozer
Fondatore de L'Osservatore Bipolare. Ha bussato alla porta della redazione con una birra in mano chiedendo se c'era un bagno. Da allora non se ne è più andato. Si interessa di musica estrema, tecnologia, futurismo, letteratura e cose strane di vario tipo. Ce l'ha col mondo intero. Dicono che non sia del tutto umano e noi ci crediamo.